presto in arrivo

GetResponse Content Monetization HUB

Trasforma le tue conoscenze in un flusso di entrate. Crea e vendi corsi online in un'unica piattaforma. Iscriviti alla lista per ottenere uno sconto esclusivo!

Strategie e consigli di Marketing per (liberi) professionisti alle prime armi

21 minuti
Aggiornato:

La carriera del freelance può dare grandi soddisfazioni, sia a livello economico che professionale, ma bisogna fare i conti con un ostacolo sempre più importante: la concorrenza.

Come dico sempre, possiamo essere i migliori nel nostro campo, ma se nessuno lo sa, sarà difficile farci conoscere dal nostro pubblico di riferimento e aumentare la nostra visibilità online.

Ecco perchè oggi ti mostrerò delle strategie e consigli di marketing che metto in campo da anni e che mi hanno permesso di ottenere successo come freelance, e che puoi iniziare ad adottare fin da subito.

Sono tutte strategie molto valide e applicabili in diversi contesti. Se invece stai cercando una strategia specifica per trovare nuovi clienti da libero professionista ti consiglio quest’articolo scritto da Federica Trezza, esperta consulente di comunicazione, che lavora (neanche a dirlo) come freelance: La guida pratica per trovare clienti da libero professionista

Sei pronto a differenziarti dai competitor?

Cosa vuol dire essere “libero professionista” in Italia

Partiamo subito con dei dati decisamente interessanti: l’Italia è il paese europeo con più freelancer, circa 4,7 milioni secondo i dati di Statista del 2022.

Di questi, il 33% ha meno di 30 anni, mentre il 50% si colloca tra i 30 ed i 39 anni. Se questi numeri ti sembrano incredibilmente alti, è perchè si tende ancora a fare molta confusione su cosa sono esattamente i “ liberi professionisti”.

Un freelancer (o libero professionsita) è qualsiasi figura che lavora per se stesso, esercitando una professione in proprio. Non sono solo quindi agenti di commercio, architetti, videomaker o elettricisti, ma anche professioni meno scontate come musicisti, psicologi, social media manager e scrittori.

Chiunque non ha un contratto da dipendente ed ha una partita IVA, potrebbe essere considerato un vero e proprio freelancer. Il mondo del lavoro è cambiato e si tende a voler sfruttare al 100% le proprie competenze, senza essere costretti a lavorare per qualcun altro ad uno stipendio fisso e spesso limitante.

Io ad esempio sono un libero professionista da circa 4 anni, lavorando come blogger, copywriter e consulente SEO. E in tutti in questi anni sul campo, posso assicurarti una cosa: molte strategie di marketing sono ancora oggi sottovalute, nonostante siano fondamentali.

È sbagliato pensare che solo chi lavora nel campo del digital marketing debba essere in grado di saperle utilizzare, in quanto l’equazione è molto semplice:

Maggiore visibilità online = più persone vengono a conoscenza dei nostri prodotti e servizi = maggiori clienti e aumento dei guadagni.

Ecco perchè in questa guida ho deciso di mostrarti le migliori strategie di marketing e quali strumenti puoi utilizzare per migliorare il tuo rendimento.

A differenza delle altre guide su questo tema, ti porterò esempi pratici e consigli che puoi mettere in campo fin da subito, indipendentemente dal settore in cui operi.

Che tu sia un avvocato, un insegnane di yoga o uno scrittore, in questa guida condividerò con te le tecniche che mi hanno (e mi stanno) aiutando a raggiungere i miei obiettivi di business e a differenziarmi dai miei competitor.

Gli strumenti giusti per fare marketing se sei libero professionista

Molti freelance sono terrorizzati dal dover investire in strumenti di marketing per migliorare la propria visibilità online, soprattutto se si è appena partiti in questa avventura.

Fortunatamente, non servono centinaia di tool per raggiungere questo obiettivo: meglio pochi ma buoni. Anzi, in molti casi, lo stesso strumento è in grado di integrare varie funzioni, permettendoti di risparmiare soldi ma anche tempo.

Ricordati che ho usato intenzionalmente il verbo “ investire” : quando si parla di strumenti per il marketing, non sono mai soldi buttati, ma sono degli investimenti che ti ripagheranno nel corso del tempo quando otterrai maggiori visibilità e clienti.

Ecco i miei “consigli per gli acquisti” in base alla tipologia di tool.

Software di Email Marketing

Se come me sei nel campo del marketing da qualche anno, avrai sicuramente già sentito l’espressione “ Money is in the list”. Con un ritorno sull’investimento (ROI) del 36%, l’email marketing rimane uno degli strumenti più efficaci per qualsiasi marketer o freelancer.

E avere una lista di contatti che possa aumentare gradualmente, è ciò che farà crescere anche il tuo business. La buona notizia? Puoi iniziare a fare email marketing gratuitamente!

Ci sono infatti molti servizi di email marketing che puoi provare gratuitamente senza impegno, facendo un upgrade quando la tua lista crescerà.

Ecco il mio podio:

  • GetResponse: completamente in italiano e con un piano sempre gratuito dedicato a chi muove i primi passi nel mondo dell’email marketing, GetResponse è il software che io stesso utilizzo da anni. Mi permette di creare campagne di email marketing, autorisponditori, newsletter ed intere automazioni, il tutto con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. Puoi provarlo gratuitamente per 30 giorni, testando a fondo le sue funzioni, comprese quelle disponibili nei piani avanzati.
  • MailUp: con costi leggermente superiori a GetResponse, MailUp è un altro valido tool di email marketing, completamente in italiano. Potrai anche in questo caso usufruire dell’automazione e personalizzare le tue campagne in base alla tua nicchia.
  • Brevo: fino a qualche tempo fa conosciuto con il nome di Sendinblue, Brevo è un’altra piattaforma di email marketing leader in questo settore.  È economica, semplice da utilizzare, ma purtroppo non ha la lingua italiana a disposizione.

Strumenti per creare siti web

Avere un sito web o un blog al giorno d’oggi è fondamentale. Ti permette di acquisire traffico organico e di rafforzare la tua presenza sul web, creando un vero e proprio personal brand.

Ecco i migliori strumenti per creare un sito web, specie se sei alle prime armi:

  • GetResponse Website Builder: se non hai competenze in questo settore, niente paura, GetResponse ti permetterà di creare il tuo sito in pochi e semplicissimi passi grazie all’intelligenza artificiale! Si tratta di un Creatore di siti web con AI: ti basterà dare qualche indicazione a questo tool (come la tua nicchia e le tue preferenze a livello di design) ed il gioco è fatto.
    Dopodiché, potrai modificarlo a tuo piacimento con un semplice editor drag and drop, personalizzando il tuo nuovo sito personale.
  • Register.it: webhosting 100% italiano, Register.it ti permette di creare il tuo sito web basandosi sul CMS WordPress, il più utilizzato a livello mondiale. Anch’esso dispone della possibilità di utilizzare l’IA per realizzare il tuo progetto senza nessuna competenza.
  • SiteGround: uno dei webhosting più famosi al mondo, ti permette di creare un sito personale con meno di 3 € al mese. Anch’esso si basa sulla piattaforma WordPress.org, che ti permette di customizzare il tuo blog grazie agli innumerevoli plugin.
creazione siti web liberi professionisti
Opzioni di creazione sito web in GetResponse

Strumenti di creazione Landing Page

Quando lanci un’offerta particolare o un nuovo prodotto, un’ottima idea è quella di pubblicizzarlo attraverso una Landing Page dedicata. Soprattutto se non hai un sito web, magari perchè il tuo focus sono Youtube o i Social Media, utilizzare questo canale può esserti utile.

In questo caso, i migliori strumenti per la creazione di Landing Page che ti consiglio sono:

  • GetResponse: nonostante non nasca come software dedicato a questo utilizzo, GetResponse ti permette anche di creare Landing Pages che convertono e che potrai personalizzare attraverso un semplice editor drag and drop. Ti basterà scegliere un template e modificarlo in base alle tue esigenze. Inoltre, puoi aiutarti con l’intelligenza artificiale per migliorare il processo di creazione e risparmiare tempo prezioso. Questa funzione è inclusa in tutti i piani tariffari di GetResponse, a partire da quello base a soli 16€ al mese, senza limitazioni sul numero di landing page create.
  • Clickfunnels: considerato come il pionere dei Funnels, Clickfunnels è ancora oggi uno dei software più validi in questo ambito. La sua grande pecca? Il costo. Infatti, dopo la sua prova gratuita di 14 giorni, i suoi abbonamenti partono da 127€ al mese.
  • Instapage: tool che offre template e layout focalizzati sulla massima conversione possibile, Instapage è tra le scelte migliori quando si parla di tool dedicati alla creazione di Landing Page. Anche in questo caso però, i prezzi non sono molto economici: hai un abbonamento a 149$ al mese ed un altro a 199$, non adatti a chi ha un budget ristretto.

Tool per la ricerca di parole chiave

Capire cosa cercano le persone su Google è essenziale per capire su quali parole chiave basare i tuoi articoli. Questo processo ti permetterà di capire quali contenuti creare sul tuo blog e acquisire in questo modo notorietà e nuovi lead grazie al traffico organico.

Gli strumenti migliori per questo scopo sono:

  • SEOZoom: piattaforma al 100% italiana e decisamente economica rispetto ai competitors, ti fornisce tutti gli strumenti di cui hai bisogno per analizzare le keyword e la loro difficoltà. Ti darà vari spunti per i tuoi articoli e quali parole chiave utilizzare per rankare più facilmente su Google. L’ho testato personalmente per diverso tempo e ti assicuro che nel panorama italiano è il tool con i dati più accurati in assoluto.
  • Ahrefs: la mia piattaforma per la ricerca keyword preferita (ma decisamente più costosa). Permette di eseguire molte funzioni, anche se per quanto riguarda il mercato italiano ha ancora qualche pecca. Te lo consiglio soprattutto se hai un sito in lingua inglese o se il tuo riferimento è il mercato estero.
  • Semrush: altro tool molto valido e rinomato a livello mondiale, ti permette di analizzare i tuoi competitor, cercare le parole chiave migliori e strutturare degli articoli ottimizzati per la SEO. Tuttavia  il costo può rappresentare un ostacolo per molti freelancer, in quanto i prezzi partono da circa 100$ al mese

Piattaforme per E-commerce

Se vendi dei prodotti fisici o digitali, una piattaforma e-commerce è a dir poco essenziale. Ti permetterà di rafforzare la tua presenza online e sfruttare un mercato in costante crescita, stimato a 58 triliardi di dollari entro il 2028.

Anche in questo caso, ti servirà una piattaforma semplice da usare, economica e con ampie possibilità di customizzazione.

Quelle che ti consiglio sono:

  • Shopify: la piattaforma di e-commerce più famosa a livello mondiale. Consigliata ai più esperti e non, ti permette di creare un negozio da zero usufruendo di una prova gratuita di 3 giorni e poi un mese intero a solamente 1 €. Inoltre, potrai integrare GetResponse per far crescere ulteriormente la tua lista con i strumenti di email marketing visti in precedenza.
  • BigCommerce: è l’hosting utilizzato da oltre 50.000 shop online. Un pò meno semplice da utilizzare rispetto al suo rivale, anche in questo caso puoi integrarlo con GetResponse per migliorare l’efficacia della tua strategia di acquisizione di lead.

Tool di Intelligenza Artificiale

Nonostante il dibattito etico su questa tecnologia, è ormai appurato che l’IA è un prezioso aiuto per guadagnare online, nonché per migliorare la tua produttività ed automatizzare compiti noiosi e ripetitivi che ti porterebbero via tempo ed energie.

Non utilizzarli sarebbe un grosso errore, soprattutto se vuoi avere successo nel campo del marketing.

Tra i tanti siti web di intelligenza artificiale sbocciati sul mercato negli ultimi anni, io utilizzo sempre:

  • ChatGPT: un vero e proprio assistente virtuale. La versione Free è più che sufficiente per iniziare, mentre con la versione Plus puoi integrare i vari plugin e svolgere molte più operazioni a solamente 20€ al mese. Io personalmente lo utilizzo per scrivere testi, fare brainstorming per ottenere idee per i miei video o post sui social media o per creare tabelle.
  • GetResponse AI Campaign Generator: come succede ad ogni content creator, spesso mi ritrovo ad avere mancanza di idee originali, il “cosiddetto blocco dello scrittore”. Questo nuovo strumento di GetResponse mi permette di creare un’intera campagna di marketing grazie all’intelligenza artificiale, ottenere nuovi spunti per gli oggetti delle mie mail e realizzare landing page.
  • Gemini: precedentemente chiamato Bard, Gemini è il diretto competitor di ChatGPT, creato proprio da Google. Permette di fare un pò le stesse cose di ChatGPT, ma ti consiglio di testarlo in quanto attualmente fornisce risultati più accurati e ti può aiutare a migliorare la tua creatività. Anche Gemini ha una versione free ed una a pagamento a 20 € al mese.

Le migliori tecniche di marketing per freelance

Una volta che hai scelto gli strumenti, è ora di iniziare ad utilizzarli, sfruttando alcune tecniche di marketing che ti aiuteranno a crescere come professionista freelance.

Qui di seguito ti mostrerò le strategie che io stesso utilizzo come libero professionista e che potrebbero dare un boost anche alla tua visibilità online!

Strategie di Content Marketing

Possiedi già un sito web o stai per crearne uno con gli strumenti consigliati nello scorso paragrafo? Bene, è tempo di iniziare a creare dei contenuti per il tuo pubblico di riferimento e la tua nicchia.

Per prima cosa, aiutati con i tool per la ricerca di parole chiave analizzati precedentemente, in quanto saranno fondamentali per analizzare la difficoltà ed il volume di ricerca delle parole chiavi.

Ma per creare un piano editoriale, devi prima di tutto conoscere la tua nicchia.

Inizia ponendoti queste domande:

  • Qual è il valore aggiunto che possa dare come professionista ai miei lettori?
  • Quali sono le difficoltà del mio pubblico di riferimento?
  • Come posso risolvere i loro problemi attraverso la mia conoscenza ed esperienza?

Per esempio, se sei un osteopata e vuoi incrementare la tua visibilità online, potresti creare un sito web ed iniziare a creare articoli su temi come “curare il mal di schiena”, “ esercizi per la cuffia dei rotatori” e così via.

In questo modo, verrai visto come un esperto del tuo settore e le persone si affideranno a te per risolvere i loro problemi. Alcuni strumenti come SEOZoom o Semrush, ti daranno indicazione di quali termini e parole chiave includere nei tuoi articoli.

Questo ti aiuterà a posizionarti su Google ed ottenere ancora più visibilità, migliorando in questo modo la tua strategia di marketing come freelancer.

La newsletter

Un’altra componente fondamentale del tuo piano di content marketing è la creazione di una newsletter.

Perchè?

Hai creato un sito web personale, le persone leggono i tuoi contenuti e vogliono approfondire i temi di cui tratti. Il modo migliore per farlo e creare di conseguenza un legame di fiducia con i tuoi lettori, è creare una newsletter che darà accesso a contenuti riservati ai tuoi iscritti ed allo stesso tempo di permetterà di creare una tua lista personale.

Ovviamente, i visitatori del tuo sito web devono sapere che hanno a disposizione questa possibilità, quindi dovrai:

  • Creare la newsletter: anche in questo caso, GetResponse arriva in tuo aiuto. Grazie al generatore email basato sull’ IA, potrai avere spunti interessanti per la tua newsletter, oppure utilizzare l’editor drag and drop se vuoi crearla da zero.
  • Gestire la tua lista CONTATTI: una volta acquisiti nuovi iscritti, è fondamentale che tu sappia mantenere alto il livello di interesse. Altrimenti, rischi che i tuoi sforzi non diano i risultati sperati. Nel prossimo paragrafo approfondiremo come creare una strategia di email marketing vincente utilizzando GetResponse.

Crea un ebook o un libro

“ Creare un libro?? Mi ci vorranno mesi!”.

In realtà, non ti serve creare un libro di 100 pagine, ma un e-book di una decina di pagine in cui approfondisci un determinato argomento: è un asso nella manica per ogni freelance.

In primis, ti permette di incentivare le persone ad iscriversi alla tua lista: ti lasceranno la mail ed in cambio riceveranno un ebook gratuito. Inoltre, ti permetteranno di sottolineare la tua esperienza nel tuo settore.

Per esempio, sei sei un copywriter, potresti creare un ebook su “come utilizzare l’IA per migliorare il tuo processo di scrittura”.

Pensalo come un approfondimento di uno dei tuoi articoli: i tuoi visitatori si appassionano ai tuoi argomenti, vogliono approfondire un argomento e scaricano il tuo libro gratuito.

In questo modo stai creando una relazione di fiducia con loro, rafforzando il tuo personal brand e anche aggiungendo nuovi iscritti alla tua lista che potranno diventare clienti veri e propri!

Strategie di Email Marketing

Nel 2024, l’email marketing è ancora tra le strategie di marketing per liberi professionisti più efficaci in assoluto.

Puoi iniziare con pochi e semplici passi:

  • crea un account gratuito sulla piattaforma GetResponse;
  • crea un popup di iscrizione da incorporare nelle pagine del tuo blog;
  • crea la tua prima email di benvenuto, aiutandoti con l’IA se ne hai bisogno;
  • realizza delle liste in base alle preferenze dei tuoi iscritti;
  • sfrutta la potenza del marketing automation per aumentare il successo delle tue campagne.

GetResponse ti permette di creare delle automazioni in base al tuo obiettivo e al comportamento dei tuoi clienti, il tutto attraverso un intuitivo editor drag and drop.

esempio di email automation per promozione corso
Esempio di automazione email per attività di promozione su GetResponse

Potrai ad esempio impostare delle sequenze di email automatiche, follow-up e programmare le tue newsletter senza farlo manualmente, risparmiando tempo prezioso da dedicare ad altre strategie di marketing che vedremo assieme.

Se vuoi diventare un esperto di email marketing, ti consiglio inoltre di seguire un corso specializzato ed ampliare le tue conoscenze. In un recente articolo, il mio collega Gianpiero ha descritto i migliori corsi di email markting con certificazione.

Webinar e Podcast

Immagina di registrare un evento online di 60 minuti su un argomento particolare della tua nicchia. Non solo hai creato un evento coinvolgente, ma anche una risorsa versatile da trasformare in:

  • articolo del blog;
  • un ebook scaricabile, come visto prima;
  • caroselli di LinkedIn;
  • serie di post sui social media;
  • webinar on-demand;
  • serie di brevi video per YouTube, LinkedIn, TikTok, Instagram e Facebook reels.

E le buone notizie non sono finite. Puoi creare dei webinar direttamente con GetResponse, senza dover investire in un secondo tool, magari anche più costoso. Questa funzione è disponibile dal piano Marketing Automation, che offre tutte le funzioni necessarie per ogni libero professionista che vuole dare un boost alla sua strategia di marketing.

Come si suol dire, due piccioni con una fava!

Ci sono poi i podcast, che stanno acquisendo sempre più visibilità. Non sfruttarli, significa lasciarsi sfuggire un’opportunità per incrementare la tua presenza online.

A meno che tu sia un influencer con un grande seguito, dovrai però avere pazienza e costruire piano piano la tua audience. Oppure, potresti collaborare con altri influencer o freelance della tua nicchia, velocizzando questo processo.

Per esempio, se sei un personal trainer online potresti cercare delle parternishp con degli Youtuber nella nicchia del fitness e dello sport in generale.

Gli strumenti base per un podcast che si rispetti sono:

  • argomenti interessanti e attuali per il tuo pubblico di riferimento;
  • attrezzatura professionale e che ti garantisca un audio perfetto;
  • una piattaforma in cui puoi caricare il tuo audio, come Spotify, SoundCloud o podcast Apple.

Personal Branding sui social

I social network sono sempre più utilizzati al giorno d’oggi, infatti sono diventanti un vero e proprio strumento di vendita. Ecco perchè imparare a sfruttarli correttamente è una strategia vincente per qualsiasi libero professionista, indipendentemente dalla nicchia di competenza

Sappi però che ogni social media ha le proprie peculiarità. Per questo motivo ti darò consigli per ognuna delle piattaforme più utilizzate.

Facebook

Guadagnare popolarità su Facebook è sempre più difficile rispetto a qualche anno fa, ma non impossibile. Ti basta saperlo fare correttamente, adeguandoti alle attuali tendenze.

In particolare, ti consiglio di:

  • essere attivo nei gruppi Facebook della tua nicchia , aiutare gli utenti rispondendo alle loro domande e condividere la tua esperienza è un metodo infallibile per acquisire nuovi clienti;
  • crea il tuo gruppo Facebook personale su un argomento specifico della tua nicchia;
  • utiizza i reels e le storie sfruttando la potenza dei contenuti visivi;
  • pubblica annunci a pagamento: il traffico organico è importante, ma non sottovalutare i Facebook ADS, soprattutto se sei agli inizi della tua carriera da freelance.

Instagram

Soprattutto se operi in un settore in cui i contenuti visivi hanno un ruolo importante, Instagram può essere un ottimo alleato per la tua strategia di marketing.

Ecco alcuni esempi pratici da mettere in campo fin da subito:

  • sii costante con le pubblicazioni;
  • cerca di pubblicare un buon numero di storie quotidiane, circa 4-6;
  • interagisci con i tuoi followers, rispondendo ai commenti;
  • sfrutta gli hashtag, strumento essenziale per aumentare la tua visibilità su Instagram.

LinkedIn

LinkedIn è sicuramente la piattaforma più indicata per i professionisti che operano nel B2B. Passiamo infatti da contenuti brevi a veri e propri post e caroselli approfonditi.

Personalmente, LinkedIn mi ha aiutato ad acquisire molti clienti nel campo del marketing, essendo utilizzata da figure come CEO, addetti alle risorse umane, manager e specialisti di settore.

Le strategie che mi hanno permesso di ottenere risultati sono:

  • cura del profilo, con una descrizione dettagliata dei miei punti di forza;
  • costanza nelle pubblicazioni, di case study, articoli (potresti ricondividere quelli del tuo blog) e i risultati raggiunti dai clienti);
  • interazione con gli altri esperti del settore.

Pinterest

Sarò onesto con te: ho sempre snobbato Pinterest. Questo prima di realizzare che è il motore di ricerca più utilizzato dopo Google e Youtube.

Ed esattamente come Instagram, se lavori in un ambito in cui i contenuti visivi fanno da padrone, ti posso assicurare che è un’arma fondamentale per la tua strategia di marketing di libero professionista.

Come iniziare quindi a sfruttare Pinterest?

  • Crea un account aziendale gratuito
  • Crea bacheche: pensa ai tuoi cluster di argomenti. Ad esempio, se sei un personal trainer online, i tuoi quattro consigli potrebbero essere incentrati sulla nutrizione, l’allenamento, il benessere emotivo e mentale ed il cambiamento del tuo stile di vita.
  • Arricchisci le tue bacheche con i pin di altri utenti, in modo da avere già impressioni nelle tue bacheche prima di iniziare ad aggiungere i tuoi pin.
  • Inizia a creare i tuoi pin con strumenti come Canva: Canva è un software gratuito (anche se esiste una versione Pro a pagamento) che ti permetterà di modificare le immagini inserendo effetti speciali, titoli, descrizioni ed emoji. Ti consiglio di utilizzarlo per personalizzare i tuoi pin e catturare maggiormente l’attenzione, fondamentale per una piattaforma come Pinterest.

Youtube

Esattamente come Google, Youtube è una piattaforma estremamente potente per aumentare la tua notorietà, essendo il secondo motore di ricerca più utilizzato. Ma anche in questo caso, ti servirà tempo e pazienza: non puoi pretendere di ottenere risultati dall’oggi al domani.

Come puoi farlo? Ecco alcuni consigli fondamentali:

  • Applica le strategie di SEO: punta a determinate parole chiave da inserire nel tuo titolo, nella descrizione e negli hashtag dei tuoi video. Software come SEOZoom e Ahrefs possono aiutarti in questo scopo, se già li utilizzi per il tuo sito web.
  • Crea delle miniature accattivanti: la maggior parte delle persone aprono i video basandosi sulla copertina, quindi cerca di renderla interessante. Ti consiglio di utilizzare Canva per modificarle, esattamente come per Pinterest.
  • Invita i tuoi spettatori ad interagire: l’algoritmo di Youtube si basa su segnali come i Mi Piace, i commenti e la durata di visualizzazione dei tuoi video. Oltre a rendere i tuoi contenuti interessanti per il tuo pubblico di riferimento, esortali ad esprimere le loro opinioni e a supportarti con un bel like se apprezzano i tuoi video.

Referral e passaparola

Questa è in assoluto la mia strategia preferita per scalare il tuo business.

Pensaci un attimo: qual è il metodo migliore per acquisire un nuovo cliente se non tramite un’ottima recensione da una persona fidata?

Quando abbiamo bisogno di trovare un nuovo meccanico o un professionista in generale, la prima cosa che facciamo è chiedere ai nostri amici o parenti. Anche questo è marketing!

Il consiglio che ti do, è NON chiedere referenze subito. Assicurati che il cliente sia fidelizzato e soddisfatto del tuo lavoro; solo allora sarà il momento giusto per chiedere se conosce qualcuno che possa avere bisogno dei tuoi prodotti o servizi.

Per massimizzare questa strategia, ti consiglio di offrire degli sconti a chi ti fornisce i cosiddetti “referral”. Ad esempio, offri uno sconto del 25% sulla prossima prestazione per ogni nuovo cliente che ti viene fornito. I tuoi clienti saranno ancora più incentivati ad aiutarti e tu amplierai sempre di più il tuo pacchetto clienti.

Quando non hai ancora molte referenze e testimonials, un’ottima tecnica, è quella di offrire una consulenza gratuita. È una strategia che ancora adesso utilizzo, in quanto è un ottimo modo per fare una buona prima impressione senza dover vincolare le persone a pagarti.

Per esempio, se sei un avvocato, potresti offrire un colloquio telefonico o videocall gratuite di 30 minuti, per fare capire ai tuoi potenziali clienti perchè dovrebbero lavorare con te. Se vuoi massimizzare quest’aspetto, assicurati di curare i social seguendo i consigli che ti ho dato nei paragrafi precedenti. Ricordati che la prima impressione è fondamentale e i tuoi profili personali sono il tuo biglietto da visita.

Conclusione

Non avere una strategia di marketing ben definita può essere un enorme ostacolo per la tua carriera da freelance; ricordati che saperti vendere ed essere visibile online sono requisiti diventati ormai fondamentali.

Qualunque sia la tua nicchia, hai a disposizione innumerevoli strumenti per raggiungere un pubblico più ampio e aumentare i tuoi clienti, dandoti la possibilità di fare selezione e scegliere di lavorare con i migliori.

Inizia focalizzandoti su pochi canali, in particolare ti consiglio di creare un blog, sfruttare l’email marketing per far crescere la tua lista e concentrarti su uno o due canali social, come ad esempio LinkedIn e Youtube.

Mettendo in campo questi consigli, potrai creare una strategia di marketing efficace e svoltare finalmente la tua carriera da professionista!


Giovanni della Ventura
Giovanni della Ventura
Giovanni della Ventura è il fondatore di Giodellaonlinemarketing.com, blog fondato con lo scopo di aiutare le persone a creare il proprio business online utilizzando gli strumenti corretti. Da sempre appassionato all’ambito commerciale e della tecnologia, cerca di fornire consigli utili a chi si approccia al mondo dell’online marketing e degli Saas, creando guide e recensioni per orientarsi al meglio in questo campo. Quando non lavora, cerca di sfruttare la sua creatività in cucina con ricette fantasiose, cercando nel frattempo di non dare fuoco alla casa
Share