GetResponse vs ActiveCampaign: qual è il software di email marketing migliore?

20 minuti
Aggiornato:

Scegliere una piattaforma di email marketing per la tua attività (partita IVA o azienda che sia) può essere molto difficile.

In quest’articolo ho pensato di mettere a confronto due dei software di email marketing più noti in Italia e nel resto del mondo: GetResponse e ActiveCampaign.

Potrei essere un po’ di parte, perché con GetResponse si gioca in casa.

Tuttavia, preferisco lasciare decidere al lettore. Anche perché entrambi i tool mettono a disposizione un ventaglio di funzionalità tanto innovative quanto essenziali per chi desidera fare crescere un’attività online.

A far la differenza saranno le proposte di prezzo, semplicità d’uso, completezza e affidabilità delle due piattaforme. Differenze che approfondiremo nel corso dell’articolo. Buona lettura e, soprattutto, buon confronto!

Si parte, ovviamente, dalle tariffe e dalle funzioni di email marketing.

Qual è il software più conveniente?

Prima di conoscere a fondo le funzionalità principali delle due piattaforma, è bene orientare la scelta soffermandoci sulle diverse tariffe e piani di abbonamento.

Sia GetResponse che ActiveCampaign basano il proprio listino sulle funzionalità incluse nei diversi pacchetti. Un sistema che permette di graduare i costi per le attività in crescita.

Quanto costa GetResponse?

GetResponse ha 3 diversi pacchetti di prezzo: Email Marketing, Marketing Automation, E-commerce Marketing.

Il prezzo finale dipende da:

  • pacchetto selezionato;
  • limite dell’elenco contatti;
  • durata del pacchetto (1 mese, 12 mesi, 24 mesi).
tabella prezzi getresponse
Tabella prezzi GetResponse con sconti Black Friday

Per le aziende con esigenze particolari e per l’invio massiccio di e-mail, progettiamo offerte individuali che includono il supporto professionale tramite GetResponse MAX.

Confronta tutti i prezzi e piani di abbonamento di GetResponse >

Quanto costa ActiveCampaign?

Anche ActiveCampaign offre 3 diversi pacchetti (Lite, Plus, Professional). La dimensione della lista o la durata del contratto non hanno apparentemente alcuna influenza sul prezzo.

griglia prezzi di active campaign

Ci sono piani gratis?

Non sei ancora sicuro su quale possa essere la piattaforma migliore tra GetResponse e Active Campaign? Allora puoi prima testare i due tool gratuitamente!

GetResponse consente di testare tutte le funzioni gratuitamente entro i primi 30 giorni. Dopodiché, puoi decidere se continuare a fare email marketing gratuitamente, ma solo fino a 500 contatti e con un limite di invio mensile di newsletter di 2.500 email, oppure fare l’upgrade su uno dei tre piani di abbonamento.

Con gli sconti Evergreeen che GetResponse offre, è possibile risparmiare il 18% o il 30% sui piani annuali e biennali. Esiste anche un prezzo particolarmente basso per le associazioni no-profit (50% di sconto).

ActiveCampaign dispone di una prova gratuita di 14 giorni, anche se è possibile chiedere una proroga. La prova gratuita ti permette di testare la piattaforma con le seguenti limitazioni:

  • massimo di 100 contatti e fino a 100 invii di email per i 14 giorni della prova;
  • le funzionalità disponibili durante la prova gratuita corrispondono al pacchetto Professional;
  • non sono disponibili le funzionalità Predictive Sending, Predictive Content, invio di campagne autoresponder, campi personalizzati nei moduli, utilizzo di “Email Results” nei moduli di sottoscrizione, add-on SMS, aggiunta di un dominio a una pagina di atterraggio;
  • 1 solo utente per account di prova.

Tabella prezzi a confronto

PianoGETRESPONSEACTIVECAMPAIGN
GratuitoDisponibile (funzioni base, 2.500 email inviabili al mese, 500 contatti archiviabili)Non disponibile 
Prova gratis30 giorni14 giorni (possibile proroga)
Base Email Marketing 
da €16/mese
Lite
da $29/mese
IntermedioMarketing automation 
da €54/mese
Plus
da $49/mese
AvanzatoEcommerce Marketing 
da €106/mese
Professional da $149/mese
Grandi aziendeMAX
Personalizzato
Enterprise
Personalizzato

Come si evince dalla tabella, entrambi i provider hanno piani con funzionalità e integrazioni uniche. Tuttavia, quando si parla di prezzi, GetResponse è più conveniente. Soprattutto per chi è agli inizi con l’email marketing e non ha ancora molti contatti.

Basandoci su un database di 1000 contatti, l’abbonamento base di GetResponse costa 16€ al mese e comprende tutte le funzioni di email marketing, più autorisponditori, landing page, funnel di conversione, ai campaign generator e annunci social. Per avere a disposizione anche webinar e funzionalità di marketing automation si deve passare al livello superiore, Plus, al costo di 54 € al mese.

Quale software ha le migliori funzioni di Email Marketing?

Panoramica generale

A prima vista, sia GetResponse che ActiveCampaign offrono un’ampia gamma di funzionalità relative alla comunicazione via email.

Il software di email marketing di GetResponse è il punto di forza della piattaforma. Il tool è molto in linea con le esigenze di piccole e medie imprese perché consente di costruire e progettare in piena autonomia le campagne email. In particolare, è perfetto per l’invio di:

  • DEM e newsletter;
  • autoresponder;
  • sequenze automatizzate di email;
  • email personalizzate su determinati segmenti.

ActiveCampaign punta di più sugli strumenti di marketing automation avanzata e ottimizzazione della customer experience. Ha comunque in dotazione molte soluzioni per la progettazione di campagne email tradizionali.

Una differenza significativa tra i due software sta nella fase di prova gratuita:

  • ActiveCampaign: 14 giorni di prova gratuita
  • GetResponse: 30 giorni di prova gratuita + alcune funzionalità di base sempre gratuite

Nella tabella di seguito, trovi il confronto in sintesi delle funzionalità di email marketing delle due piattaforme, che verranno approfondite nei paragrafi seguenti.

FunzionalitàGetResponseGratis?Active CampaignGratis?
Creatore di newsletter con editor drag-and-drop✔️Sempre, fino a 2500 email/mese
A pagamento, email illimitate
✔️Gratis i primi 14 giorni, fino a 100 email
A pagamento, email illimitate
Template newsletter✔️Sempre, +150 template✔️Sempre, +250 template
AI Email generator✔️Gratis i primi 30 giorniNon presente
Tasso di Deliverability✔️99%✔️Alto, ma non specificato
DKIM personalizzata✔️Sempre✔️Gratis i primi 14 giorni
Gestione mailing list✔️Sempre, fino a 500 contatti
A pagamento, contatti illimitati
✔️Gratis i primi 14 giorni, fino a 100 contatti
A pagamento, contatti illimitati
Segmentazione✔️Sempre, base
A pagamento, avanzata
✔️Gratis i primi 14 giorni
Scoring dei contatti✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Gratis i primi 14 giorni
Reportistica e monitoraggio✔️Sempre✔️Gratis i primi 14 giorni
Spam checker✔️Sempre✔️Gratis i primi 14 giorni
Email automation✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Gratis i primi 14 giorni
Creatore di autoresponder✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Solo a pagamento
Ottimizzazione invii (orario migliore)✔️Gratis i primi 30 giorniNon presente
Ottimizzazione invii (fuso orario)✔️Gratis i primi 30 giorniNon presente
A/B test delle email✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Gratis i primi 14 giorni
Email transazionali✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Gratis i primi 14 giorni
Integrazioni e-commerce✔️Gratis i primi 30 giorni✔️Gratis i primi 14 giorni

Creazione email e newsletter

Il software di email marketing è facile da usare e prevede diverse funzioni per la gestione e l’ottimizzazione delle mailing list. Inoltre, ha anche l’intelligenza artificiale. L’email designer di GetResponse è estremamente intuitivo. Si basa su una logica a blocchi drag-and-drop (trascina e rilascia) con cui è possibile creare email professionali in poco tempo e senza particolari competenze di grafica e design.

creazione newsletter con editor GetResponse
Creazione newsletter con editor drag-and-drop di GetResponse

Nello specifico, GetResponse dispone di due modalità di creazione email:

Se per la modalità manuale il tempo medio di creazione email è di 15 minuti, l’opzione con l’Intelligenza Artificiale richiede soltanto dai 3 ai 5 minuti. In pratica, GetResponse ha integrato la tecnologia di ChatGPT direttamente nel suo editor. Questa funzionalità è particolarmente vantaggiosa nelle PMI, dove le risorse e il tempo da dedicare alla creazione di email per il marketing sono limitate.

creazione email getresponse
Modalità di creazione email in GetResponse

Una volta inviata la newsletter, GetResponse tiene traccia di quante volte il messaggio è stato aperto e se il destinatario ha cliccato su uno dei link. Questo ti permette di vedere quali contatti della lista sono più attivi e più propensi ad eventuali acquisti. Puoi anche effettuare test A/B sulle email per rendere le future campagne ancora più efficaci.

Il tutto non richiede molto tempo. È possibile impostare in modo semplice e veloce nuove campagne di newsletter utilizzando la voce di menu “Azioni rapide” nella dashboard. Se hai bisogno di ulteriori elementi, il menu di navigazione principale ti mostra tutti gli strumenti necessari per creare una campagna di lead generation, per acquisire più contatti. Come si può notare dall’immagine qui di seguito, GetResponse ha in dotazione un elenco di strumenti molto lungo, che include funzioni come landing page, AI campaign generator, webinar, funnel di conversione e chat. Tali funzionalità aiuteranno per il successo delle future campagne di email marketing.

getresponse email marketing dashboard
Dashboard iniziale della piattaforma di GetResponse con widget personalizzati ed elenco strumenti

A differenza di GetResponse, ActiveCampaign non offre la possibilità di creare un’email con l’Intelligenza Artificiale, ma dispone comunque di un editor drag-and-drop molto intuitivo, che rende facilissima la creazione di campagne di newsletter professionali senza alcuna esperienza di codifica. C’è anche un’enorme libreria di template mobile-friendly pronti all’uso.

È possibile utilizzare il software per creare diversi tipi di campagne oltre a quelle standard, come le email automatizzate basate su trigger, gli autoresponder (riposta automatica) o email basate su una data specifica.

Il tool include anche funnel di email precostituiti, molto utili per creare campagne rapide, specie se si è alle prime armi con l’email marketing.

creazione email activecampaign
Creatore campagne email ActiveCampaign

Template per l’email marketing

Su GetResponse puoi scegliere tra oltre 150 modelli per email e newsletter gratuiti, progettati specificamente per l’Email Creator manuale. I modelli sono responsive e possono essere aperti su qualsiasi dispositivo.

Ogni template è di alta qualità e progettato in modo professionale. Ce ne sono per le diverse esigenze: email di benvenuto, newsletter informazionali, educative, promozionali e di vendita. La libreria dei template è divisa inoltre per categorie: marketing online, e-commerce, viaggi, eventi e molti altri.

galleria template email di getresponse
Galleria template di GetResponse

Anche ActiveCampaign, dal canto suo, offre una serie di template che sembrano però più orientati al layout del messaggio, senza particolari altri elementi di design e connotazioni merceologiche. Come in GetResponse, tutti i template sono mobile-friendly e facilmente personalizzabili tramite l’editor drag and drop.

galleria template email di activecampaign
Galleria template di ActiveCampaign

Deliverability

Uno strumento di email marketing è utile solo se le email arrivano davvero nella casella di posta dei destinatari. La deliverability (consegna dell’email) è un grosso problema: chi lo fa meglio?

Entrambi gli strumenti hanno ottime probabilità di recapitare i messaggi. ActiveCampaign non dispone di dati specifici sulla sua deliverability generale, ma diversi rapporti di test di varie piattaforme come Emailtooltester ne confermano che l’alto tasso di deliverability.

GetResponse può vantare un tasso di deliverability del 99%.

Perché è così alto? Il successo si basa principalmente sulla fiducia che molti Internet Service Provider (ISP) ripongono in GetResponse. Merita di una politica di tolleranza zero nei confronti dello spam: GetResponse dispone di strumenti che aiutano a mantenere pulite le liste e a tenere traccia tempestivamente delle email non recapitabili e degli indirizzi inattivi.

Il software ha anche un sistema anti-abuso interno, Hydra, che aiuta a identificare e valutare le potenziali minacce alla reputazione e alla deliverability.

È importante precisare come sia possibile raggiungere un tasso di consegna consegna così alto, solo applicando le buone pratiche di email marketing secondo quanto indicato da M3AAWG, CSA, Spam Signal o altre organizzazioni simili. Maggiori informazioni sulla nostra pagina: Quanto è buono il tuo tasso di consegna delle email?

Autoresponder

Entrambi gli strumenti consentono di creare le cosiddette campagne email drip (a goccia) utilizzando gli autoresponder.

GetResponse nasce 25 anni fa, proprio come software autoresponder. E mantiene a oggi questa funzionalità al centro della propria piattaforma di email marketing.

Le email autoresponder consentono di automatizzare una parte della comunicazione, aiutandoci a mantenere l’engagement e a coltivare i contatti risparmiando moltissimo tempo. Qui puoi capire come creare in autonomia un autoresponder.

GetResponse offre anche una vista a calendario molto intuitiva, che aiuta a gestire e monitorare le campagne. Così, se hai una campagna in corso e vorresti inviare un autoresponder in un giorno specifico, puoi semplicemente aggiungerlo al calendario:

autoresponder calendar getresonse
Vista a calendario autoresponder in GetResponse

ActiveCampaign offre una funzione di autoresponder che puoi attivare quando progetti una nuova campagna o intendi costruire una sequenza di email marketing con l’Automation Builder.

L’Automation Builder consente anche di personalizzare i trigger che determinano il momento in cui gli autoresponder vengono inviati: ad esempio, è possibile impostare l’invio un’ora o un giorno dopo l’iscrizione.

autoresponder builder activecampaign

Un’altra caratteristica interessante? ActiveCampaign ha anche una funzione di autoresponder SMS integrata, che consente di raggiungere e mantenere i contatti al di fuori della loro casella di posta elettronica. Se sei interessato ad affiancare gli SMS alla strategia di email marketing, anche GetResponse ha una funzione di SMS marketing, tuttavia slegata dalle funzione di autoresponder, che potrebbe fare al caso tuo.

Segmentazione e gestione dei contatti

Quando si parla di segmentazione e gestione mailing list, quale strumento è migliore?

GetResponse possiede una serie di strumenti di lead generation e nurturing che rende più semplice la gestione dei contatti e la loro conversione in clienti paganti. Grazie a tali strumenti hai la possibilità di segmentare le liste. In questo modo puoi innescare una vera e propria comunicazione one-to-one, tramite email altamente personalizzate su tali segmenti.

Come ottimizzare la segmentazione dei contatti con GetResponse?

In primis, con i form d’iscrizione e popup, che puoi creare per raccogliere i dati più utili degli utenti quando si iscrivono alla tua lista, ad esempio attraverso una landing page o una newsletter.

Una volta acquisiti i contatti, puoi assegnare loro dei tag in base alle loro informazioni o al loro comportamento e inviare email mirate a gruppi specifici.

La particolarità di GetResponse è che seleziona automaticamente i contatti più attivi della tua lista, in modo da poter scrivere direttamente a loro. Questo è il punteggio di coinvolgimento. Valutando i dati in tempo reale, GetResponse distribuisce un valore a ciascun contatto sulla base di una scala a 5 livelli:

  1. Non attivo
  2. A rischio
  3. Neutro
  4. Attivo
  5. Molto attivo

Il punteggio di coinvolgimento verrà visualizzato accanto all’elenco dei contatti, consentendoti di inviare messaggi specifici ai contatti più attivi, così da aumentare le possibilità di convertirli in clienti paganti.

Punteggio di coinvolgimento lista contatti di GetResponse
Punteggio di coinvolgimento lista contatti di GetResponse

Anche ActiveCampaign offre uno strumento di segmentazione completo che consente di raccogliere dati di contatto come nomi, azioni e informazioni geografiche e di segmentarli in liste specifiche.

In ActiveCampaign, puoi usare la segmentazione per raggruppare i contatti in base al loro comportamento, ad esempio quando qualcuno ha aperto un’email o ha cliccato su un link.

Panoramica dei campi personalizzati per la segmentazione in ActiveCampaign
Panoramica dei campi personalizzati per la segmentazione in ActiveCampaign

La differenza più grande tra i due provider è l’intuitività. Sebbene entrambe le piattaforme consentano di segmentare le liste contatto in categorie come “prodotto ordinato”, “visite al sito web” o “settore”, GetResponse suddivide la lista in categorie che indicano, ad esempio, il grado di coinvolgimento del cliente, il tutto automaticamente. E questo può essere molto efficace quando si tratta di proporre clienti e cercare di chiudere accordi.

Quale software offre la migliore Automazione?

Seppur con due approcci differenti, le due piattaforme consentono di mettere il pilota automatico alle attività di routine quotidiane.

Entrambe le piattaforme offrono solidi strumenti di automazione del marketing che consentono di pianificare ed eseguire sequenze di comunicazione via email sia semplici che complesse.

GetResponse, come già accennato, ha anche integrato l’intelligenza artificiale nel processo di costruzione delle email, così da facilitare e velocizzare ulteriormente il lavoro. Anche ActiveCampaign possiede alcuni strumenti con IA, leggermente differenti da quelli in dotazione di GetResponse.

Marketing Automation

Il Marketing Automation software di GetResponse è uno degli strumenti più completi per i marketer che desiderano creare flussi di automazione semplici e avanzati.

Il tool consente di creare workflow per visualizzare il flusso di automazione e personalizzare ogni fase del processo. Puoi creare il workflow da zero o attingendo da una trentina di template pre-progettati. È possibile creare campagne di automation basate sul comportamento dei clienti e quindi attivare azioni che si verificano in determinate condizioni.

Esempio di workflow di automation in GetResponse

Nei workflow, puoi anche impostare dei trigger per gli eventi, come ad esempio:

  • Nuovi iscritti
  • Apertura delle e-mail
  • Clic su link
  • Carrelli abbandonati
  • Ordini di prodotti
  • Aggiornamenti di prodotti
  • URL visitati (come le pagine dei prezzi)

Anche ActiveCampaign dispone di un tool visuale per l’Automation che ti permette di vedere e costruire le fasi delle varie sequenza di automazione. Tutto ciò che devi fare è inserire le condizioni e le email selezionate e ActiveCampaign invierà la campagna che desideri.

ActiveCampaign offre anche una serie di template di automazione già pronti (che trovi all’interno del tool con il nome di “ricette”), utile per costruire l’automazione molto più velocemente.

marketing automation builder di activecampaign
Automation Builder ActiveCampaign

Marketing con Intelligenza Artificiale

GetResponse è stato il primo software di email marketing ad aver integrato la tecnologia di ChatGPT all’interno della propria piattaforma. Sono diversi gli strumenti potenziati dall’AI all’interno di GetResponse:

  • Generatore di Email e Autoresponder con AI: generatore di email e linee di oggetto che utilizza la tecnologia OpenAI per generare layout e contenuti dei vari tipi di email e delle relative linee di oggetto in pochi secondi.
  • Creatore di Landing page e siti web con AI: qui per maggiori informazioni su come creare un sito web con l’intelligenza artificiale.
  • AI Campaign Generator: genera una campagna di marketing completa di landing page, autoresponder e newsletter a partire dalle informazioni relative a prodotto, audience e tono comunicativo.
Step 3 di creazione campagna di marketing con l’AI Campaign Generator di GetResponse

Anche ActiveCampaign offre diversi strumenti di intelligenza artificiale integrati nel suo software, come l’AI Content Generator.

A differenza di GetResponse, ActiveCampaign non sfrutta l’intelligenza artificiale per la realizzazione in automatico di email, landing page e altri asset di marketing. Gli strumenti AI di ActiveCampaign svolgono comunque importanti compiti di supporto e assistenza in fase creativa, ad esempio nella scrittura delle email e nell’ottimizzazione dei worKflow di automazione.

Quali altri strumenti di marketing offrono GetResponse e ActiveCampaign?

ActiveCampaign e GetResponse sono principalmente programmi per l’invio di email e newsletter e la gestione dei contatti.

In aggiunta, le due piattaforme integrano funzionalità volte a una visione strategica di marketing più aggiornata e completa.

Tabella di riepilogo funzionalità

Come si evince dalla tabella qui di seguito, GetResponse offre funzionalità di intelligenza artificiale, lead generation, gestione del funnel, notifiche push, webinar, sondaggi e annunci social di cui ActiveCampaign è privo. Tutto questo si riflette in un’interfaccia molto pulita e piacevole da usare anche per utenti privi di un’approfondita preparazione di marketing. 

ActiveCampaign è senz’altro uno strumento affidabile e professionale, che integra funzioni di automazione del marketing avanzate, come la SMS automation, e sfrutta diverse funzionalità di CRM, interessanti per aziende di minori dimensioni.

Qui per un confronto più approfondito >

FunzionalitàGetResponseActiveCampaign
Email Marketing✔️✔️
Funnel di vendita✔️
AI Campaign Generator✔️
Webinar✔️
Marketing Automation✔️✔️
Invio SMS✔️✔️
Invio Notifiche Push✔️
Landing page✔️✔️
CRM✔️
Form di iscrizione✔️✔️
Pop-up✔️✔️
Gestione Annunci ✔️
Live Chat✔️
Website Builder✔️✔️
Invio sondaggi✔️
Integrazioni e-commerce✔️✔️

Creazione di landing page

Le strategie di email marketing si legano indissolubilmente alla possibilità di convertire i lead in clienti. Come acquisire questi lead? Ovviamente, tramite le landing page.

Entrambe le piattaforme dispongono di editor intuitivi e poco costosi per realizzare landing page o interi siti web da affiancare agli strumenti di email marketing visti in precedenza.

GetResponse mette a disposizione un creatore di landing page gratuito in cui si possono costruire le landing page da zero o più facilmente, nelle seguenti modalità:

  • con il classico editor drag-and-drop;
  • scegliendo un template già pronto all’uso (ce ne sono circa 200, divisi per categoria merceologica);
  • con l’aiuto dell’intelligenza artificiale.

Naturalmente, in tutti questi casi non è necessario avere competenze di programmazione. Tuttavia, gli utenti più esperti possono apportare ulteriori personalizzazioni usando HTML, CSS o Javascript.

Ecco un esempio semplice ma efficace di landing page pronta da personalizzare creata con l’intelligenza artificiale:

esempio landing page editor di getresponse

Le landing page possono essere personalizzate con l’inserimento diretto di propri loghi o immagini. GetResponse consente un’altra interessante possibilità creativa, cioè quella di importare direttamente foto royalty-free da Shutterstock. Ultimata la creazione della landing, è sufficiente un click per generare l’anteprima ottimizzata per dispositivi mobili e affinare gli ultimi dettagli in base ai dispositivi.

L’ambiente di creazione di landing page di ActiveCampaign è leggermente meno intuitivo, anche perché “nascosto” sotto l’icona Sito web.

Si tratta comunque di uno strumento funzionale e completo in cui l’utente ha la possibilità di scegliere tra numerosi modelli da personalizzare, caricare le proprie immagini e selezionare la versione mobile o desktop della pagina.

creare landing page con activecampaign
Esempio di creazione landing page con ActiveCampaign

Funnel di conversione

La funzione Conversion Funnel di GetResponse rende super facile la creazione di funnel di successo, anche per chi fosse alle prime armi.

I funnel (letteralmente “imbuti”) sono scenari predefiniti di come potrebbe apparire una tipica conversione. Ad esempio, se desideri promuovere un corso e raccogliere partecipanti, il percorso di conversione potrebbe assomigliare a questo:

  1. landing page con form d’iscrizione al corso;
  2. pop-up a comparsa per incentivare l’iscrizione;
  3. email di conferma iscrizione;
  4. email di follow-up
  5. sales page con modulo per il pagamento;
  6. email di recupero in caso di carrello abbandonato;.

Con la funzione Conversion Funnel, ogni fase della conversione viene automaticamente organizzata visivamente:


Non solo puoi vedere quanto è stata efficace ogni fase della conversione, ma puoi anche verificare il numero di quanti lead raccolti e convertiti in clienti paganti.

E cosa c’è di meglio? Tutti questi strumenti necessari per creare il funnel di conversione fanno parte di GetResponse.

ActiveCampaign, pur integrando funzioni CRM, non offre questa funzionalità ai propri utenti. Se è pur vero che esistono anche altri approcci più complessi per la gestione del ciclo di vita del cliente, i funnel rappresentano pur sempre un modello snello ed efficace per l’ottimizzazione di obiettivi importanti, in particolare per le piccole e medie aziende commerciali.

Se sei quindi alla ricerca di una soluzione che combini più canali come email, landing page, ma anche Ads su Facebook e Google e notifiche push in un unico luogo e in un’unica dashboard, allora GetResponse è la scelta ideale.

Ospitare webinar online

In ultimo, Getresponse offre anche un servizio per ospitare webinar interattivi direttamente dalla piattaforma.

Il software per webinar di GetResponse ti consente di creare webinar che includono un URL personalizzato, moduli di registrazione e sondaggi integrati.

I webinar sono collegati alle funzionalità di email marketing e gestione liste, quindi tutti i contatti raccolti vengono aggiunti direttamente alla lista dei contatti. Quando organizzi un webinar, avrai accesso alle seguenti funzionalità:

  • strumenti di progettazione e una lavagna interattiva;
  • condivisione dello schermo e chat interattiva;
  • funzione di registrazione (in modo da poter continuare a commercializzare il webinar anche dopo la sua conclusione);
  • sessioni di domande e risposte;
  • chat moderate;
  • ospiti multipli.
webinar room di getresponse

Ma ciò che è particolarmente interessante è il meccanismo di promozione integrato, che puoi utilizzare ad esempio per vendere prodotti all’interno dei tuoi webinar. Questo macchinario include funzioni quali:

  • pagine di registrazione pre-progettate;
  • impostazioni di iscrizione avanzate;
  • gateway di pagamento.

Queste funzioni ti permettono di vendere prodotti, servizi e corsi direttamente dal webinar.

GetResponse è dunque dotato di un proprio software per webinar per il quale non è necessario pagare un extra. Purtroppo ActiveCampaign non dispone di uno strumento di integrazione per i webinar. Tuttavia, è possibile collegare altri programmi come GoToWebinar, StealthSeminat e WebinarNinja per ospitare webinar attraverso la piattaforma.

GetResponse vs ActiveCampaign: verdetto finale

Qual è dunque la scelta giusta per la tua azienda tra GetResponse e ActiveCampaign?

La risposta a questa domanda può essere data solo se si sa esattamente cosa ci si aspetta dallo strumento. Tuttavia, il modo più semplice per prendere una decisione è confrontare prezzi e funzionalità come fatto in questa guida.

La scelta di uno strumento di email marketing per i tuoi obiettivi di business è un passo importante, quindi il consiglio ideale è quello di testare entrambi i software una volta, prima di investire su uno o l’altro.

Se invece hai già deciso e vuoi testare subito GetResponse, ti basta semplicemente creare un account gratuito in pochi minuti. Ti basterà cliccare il pulsante qui sotto.

Disclaimer: questo confronto è stato condotto su ActiveCampaign nel novembre 2023. Facciamo del nostro meglio per mantenerlo il più accurato possibile e lo controlliamo regolarmente. Tuttavia, se desideri conoscere l’offerta dei nostri concorrenti, è consigliabile verificarla direttamente sul loro sito ufficiale o contattare un loro rappresentante.


Gianpiero Spelozzo
Gianpiero Spelozzo
Laureato in Comunicazione di Marketing, esperto di email marketing e SEO, fervido smart worker e nomade digitale nella vasta terra di Google e dei motori di ricerca. Tra Milano, Nord Europa, Marche e Abruzzo vivo le migliori esperienze in ambito digital marketIng, e-commerce, innovazione digitale e scrittura creativa. Scompongo e rielaboro queste esperienze nel blog di GetResponse, sotto forma di articoli, guide e approfondimenti.