Porta il tuo business online con il piano Free di GetResponse

INIZIA SUBITO SCOPRI DI PIÙ
Email Marketing Trends & Analisi – Report 2021
di Michele Magnani ultimo aggiornamento 0

Email Marketing Trends & Analisi – Report 2021

Curioso di sapere cosa c’è di nuovo nel mondo dell’email marketing? Forse ti piacerebbe imparare quali strategie continuano a portare un ROI positivo e quali non valgono il tuo sforzo? O meglio ancora ti piacerebbe sapere come le tue campagne newsletter si confrontano con quelle di altri nel tuo settore e quali sono i trend di mercato?

Se hai risposto sì a una di queste domande, allora sarà un piacere per te consultare il nostro rapporto Email Marketing Trends a Analisi del 2020, appena aggiornato, che ha esaminato oltre 5,5 miliardi di email inviate dai nostri clienti da luglio 2019 a giugno 2020.

Sommario

All’interno, troverai le ultime statistiche di email marketing e gli approfondimenti che ti aiuteranno nelle decisioni da prendere per organizzare al meglio la tua strategia di email marketing.

Di seguito, vedrai un’istantanea dei risultati chiave e cosa significano per il tuo business.

1. Vuoi tassi di conversione più alti? Concentrati sul valore e sulla semplicità.

Una delle nuove aree che abbiamo deciso di analizzare è l’impatto dell’aggiunta di campi extra ai moduli di iscrizione della tua landing page sui tassi di conversione medi.

È un vecchio adagio di marketing che l’aggiunta di qualsiasi campo extra nei tuoi moduli diminuirà drasticamente i tuoi tassi di conversione. 

Noi abbiamo voluto verificarlo attraverso i dati se l’aggiunta di qualsiasi potenziale campo extra abbasserà davvero il tasso di iscrizione, e a quanto pare viene confermato.

Quindi, ecco il tasso medio di conversione delle landing page che i nostri clienti hanno visto e la lunghezza dei loro moduli:

Numero di campi nel form234 +
Conversion rate medio3.07%1.22%1.16%

Dalla tabella, possiamo vedere che l’adagio era corretto. I moduli più corti osservano tassi di conversione medi più alti. Se hai solo due campi (ad esempio, nome ed e-mail), avrai un tasso di conversione medio del 3,07%. Se chiedi maggiori informazioni (per esempio, il numero di telefono), il tuo tasso di iscrizione probabilmente scenderà di più della metà (1,22%). E l’aggiunta di qualsiasi campo extra diminuirà solo leggermente il tuo tasso di riempimento.

Mentre la tendenza tra l’aggiunta del terzo o quarto campo non è molta, è doveroso notare quanto sia drastico il calo tra l’aggiunta del secondo e del terzo campo – 3,07% contro 1,22% che corrisponde a un calo del 60,3% nei tassi di conversione, direi un dato rilevante per qualsiasi marketing manager.

Cosa significa:

Bisogna prestare molta attenzione a chiedere ai visitatori del vostro sito web qualsiasi informazione aggiuntiva (oltre all’essenziale) nei moduli di iscrizione delle vostre landing page.

Essendo forti sostenitori che la qualità della lista dei contatti è sempre più importante rispetto  sua quantità, è necessario essere consapevoli dell’impatto che i campi extra campi possono avere sulla crescita della vostra lista e sulle conversioni generali.

Nella maggior parte dei casi, è consigliato chiedere solo le informazioni essenziali nel primo login dell’utente e solo dopo cercate di raccogliere più informazioni attraverso la vostra comunicazione. Ci sono molti modi per incentivare gli iscritti a fornire più informazioni, come offrire loro una garanzia estesa o resi gratuiti sui vostri prodotti, aderire a determinate offerte e promozioni speciali, e molti altri-.

Leggi di più: 15 spettacolari esempi di pop-up e cosa li rende grandi

2. Vuoi aumentare il coinvolgimento delle tue campagne automatizzate? Concentrati sulla convenienza.

Sosteniamo da tempo che le mail automatizzate funzionano molto meglio che invii massivi di email in praticamente tutti gli aspetti.

Generano più alti tassi di apertura e di click-through ( grafico qui sotto) – e migliorano anche per la vostra deliverability delle email a gli occhi dei provider. 

Analizzando ancora più nel dettaglio e categorizzando i messaggi automatizzati come per esempio- email di benvenuto, conferme di webinar e promemoria di webinar in particolare – abbiamo notato che i loro tassi medi di apertura e clic erano eccezionalmente alti.

Tipo di messaggio automatizzatoOpen rate medioClick-through rate medio
Email di benvenuto86.03%24.69%
Inviti ai webinar26.04%3.57%
Webinar reminder – invio dell’ora di inizio108.01%39.26%
Webinar reminder – invio 5 minuti prima dell’inizio del webinar104.91%41.10%
Webinar reminder –  invio 30 minuti prima dell’inizio del webinar115.46%52.86%
Webinar reminder –  invio 1 ora prima dell’inizio del webinar138.41%64.41%
Webinar reminder –  invio 1 giorno prima dell’inizio del webinar133.00%29.89%

Nota: Abbiamo contato il numero totale di aperture e di click che i destinatari hanno fatto, quindi un risultato del 100%+ significa che l’abbonato medio ha aperto il messaggio più di una volta.

Quindi, cosa rende queste email diverse dalla media delle email attivate che hanno un punteggio così alto?

Pensiamo che si riduca all’aspettativa e alla praticità. Il tuo pubblico si aspetta di ricevere un promemoria via email o un messaggio che conferma che hanno optato con successo nella tua lista.

Queste email sono inviate direttamente in risposta alle azioni del tuo iscritto. Mentre i consigli sui prodotti e altri messaggi di follow-up sono utili, ma non sono così rilevanti come le email automatiche di conferma e promemoria.

Inoltre, queste email di solito includono un link su cui l’utente vuole cliccare. Un link che li porta al tuo sito, al tuo evento, o a qualsiasi offerta a cui si sono iscritti. Sono super convenienti perché fanno risparmiare tempo al tuo pubblico e forniscono una scorciatoia a ciò a cui sono realmente interessati.. usateli con saggezza!!

Cosa significa:

Non è una novità che dovreste automatizzare le vostre comunicazioni di marketing se volete che i vostri tassi di coinvolgimento via email salgano alle stelle. 

Quello che vorremmo suggerire questa volta, è che si vada oltre l’automazione delle semplici comunicazioni promozionali. Pensate oltre a ciò che volete vendere o presentare al vostro pubblico – e considerate quali informazioni troverebbero più utili.

Pensate a tutti i tipi di email transazionali, come i messaggi di conferma, le ricevute o i promemoria dei carrelli abbandonati.

Esempio di un’email transazionale con carrello abbandonato

3. Vuoi l’orario migliore per inviare un’email? bisogna essere open-mind.

Tutti vorremmo sapere qual è l’ora o il giorno migliore per inviare un’e-mail. Ma indovina un po’? 

Dopo aver analizzato i dati per diverse regioni e poi guardando di nuovo dalla prospettiva globale, sappiamo una cosa per certo:

Non esiste il momento migliore per inviare un’email.

I nostri dati hanno mostrato che i marketer che inviano le loro campagne email all’inizio della giornata – anche alle 3-4 del mattino – ottengono i migliori risultati.

Ma dato che sono pochi i marketer che inviano email a quell’ora, vi suggerirei invece di considerare come tutto è cambiato nelle nostre vite nel 2020 e di considerare il migliore momento per inviare newsletter in base al vostro business e ai vostri utenti e perchè no.. chiedetelo direttamente a loro con l’invio di una richiesta di feedback o sondaggio, potrebbero sentirsi coinvolti.

Cosa significa:

Se puoi, invia le tue campagne email utilizzando algoritmi di ottimizzazione del tempo di invio che tengono conto del comportamento dei tuoi destinatari o del loro fuso orario (in GetResponse, queste funzioni sono chiamate Perfect Timing e Time-travel).

Se non sei in grado di farlo perché stai lanciando una campagna di vendite flash o il tuo strumento di email marketing non ha queste funzionalità, guarda i nostri dati ed esegui un test A/B per vedere cosa funziona meglio per il tuo pubblico. 

4. Vuoi aumentare il ROI dalle tue campagne di email marketing? Pensa a lungo termine.

Nel nostro rapporto si nota che la media di aperture e click-throughs è diminuita globalmente rispetto alla precedente edizione di questo studio.

Alcune delle ragioni per cui questo può essere accaduto includono il fatto che abbiamo aumentato il nostro ambito di ricerca. Abbiamo analizzato un intero anno di dati, parte del quale ha avuto luogo durante la pandemia.

Un’altra ragione può essere che i marketer hanno cambiato il loro comportamento, in particolare nella prima metà del 2020. Molti hanno aumentato i loro volumi di invio, che di solito porta a risultati di engagement medio più bassi.

Potete leggere di più su questo nel nostro rapporto – Email Marketing During Covid-19 and Beyond. 

Detto questo, vediamo che queste tattiche provate e testate con tattiche collaudate continuano a guidare risultati elevati per gli email marketer di tutto il mondo:

1. Personalizzare le linee dell’oggetto delle e-mail

Le email che hanno usato una qualche forma di personalizzazione nella riga dell’oggetto hanno visto un tasso medio di apertura più alto del 20,66% – rispetto al 19,57% osservato per i messaggi più generici. Seguendo questa tattica potrebbe potenzialmente portare ad un aumento del 5,6% nelle aperture delle vostre email, in media.

2. Personalizza il contenuto della tua email

Le email che contengono contenuti personalizzati all’interno del corpo dell’email hanno un tasso medio di click-through del 2,48%. Rispetto al 2,33%, seguire questa tattica potrebbe portare ad un aumento del 6,4% in media nei vostri click-throughs.

3. Usa le immagini

Le email che contengono immagini hanno ottenuto tassi di apertura più alti (21,44% contro 15,02%) e tassi di click-through (2,68% contro 1,56%). Abbiamo osservato la stessa tendenza per le email che presentavano video. Le email che promuovevano contenuti YouTube o Vimeo hanno visto tassi di apertura del 24,68% e 38,89%, rispettivamente (vs 19,23%), e tassi di click-through del 3,31% e 7,74% (vs 2,28%).

4. Automatizza le tue campagne

Anche se usate nella loro forma più semplice, le email automatizzate battono le email massive in termini di coinvolgimento. Autoresponders (26.47%, 3.60%), email RSS (23.09%, 3.55%), e Triggered emails (38.03%, 6.76%) – tutti hanno avuto più alti tassi di apertura e click-through rispetto a quanto riportato per le newsletter (18.76%, 2.14%).

Cosa significa:

Abbiamo anche esaminato alcune delle tattiche di easy-win che includono il mantenere le vostre righe dell’oggetto brevi o di frasi molto specifiche. Non troppo sorprendentemente, non abbiamo osservato alcun effetto significativo di queste tattiche sui tassi di coinvolgimento delle email dei nostri clienti.

Al contrario, il nostro rapporto Email Marketing Benchmarks sembra raccontare una storia diversa, cioè che le vecchie strategie collaudate e volendo fare una strategia di email marketing online a lungo termine. sono quasi sempre la strada giusta da seguire.

5. Vuoi ottimizzare le tue campagne? Inizia sempre con la comprensione del contesto.

Per ultimo, ancora una volta nel nostro rapporto, abbiamo visto che le statistiche medie di email marketing come variano in base a diversi fattori.

Per esempio:

  1. Dove ti trovi
  2. In quale settore sei
  3. Quanto è grande la tua lista di email
  4. Dove vive il tuo pubblico
  5. Quale contenuto stai promuovendo

Cosa significa:

Quando guardate il rapporto, noterete che queste differenze giocano un ruolo enorme, per esempio a seconda del continente i dati variano molto:

E di conseguenza, se volete prendere delle decisioni basate sui dati che vedete o sulle best-practice che leggete, dovreste sempre considerare prima il vostro contesto aziendale.

Non scoraggiarti – o essere troppo ottimista – solo perché i tuoi tassi di coinvolgimento non sono simili ai risultati medi. Guarda più in dettaglio e verifica quali sono i tassi per il tuo settore, la tua posizione o le dimensioni della tua lista, e solo allora inizia a fissare gli obiettivi per le campagne future.

Conclusioni

L’email marketing è sempre in evoluzione,è sempre necessario tenere d’occhio le ultime tendenze e gli sviluppi.

Rimani aggiornato questo articolo, perché continueremo ad aggiungere nuovi spunti dal nostro rapporto sui benchmark sull’email marketing.

Una volta che hai impostato un obiettivo che vorresti raggiungere con le tue statistiche e-mail, dai un’occhiata a questa guida che contiene 20 suggerimenti su come è possibile migliorare le aperture, i clic, le disiscrizioni e i tassi di reclamo spam.

Per saperne di più su come puoi migliorare il tuo gioco di email marketing, visita le Risorse GetResponse.

Buona fortuna!

Iscriviti per ricevere consigli aggiornati e articoli di rilievo

GetResponse Sp. z o.o. ha bisogno dei dati contenuti in questo modulo per fornirti i materiali che hai richiesto. Per maggiori informazioni, consulta le Norme sulla privacy.

Grazie per la tua iscrizione!

A breve ti invieremo un'e-mail di conferma.

Diventa un autore del blog di GetResponse!

Scrivi per noi